1

sierra leone

NOVARA -17-04-2018- Sarà presentato

giovedì, 19 aprile, nell'aula magna della Scuola di Medicina, in via Solaroli, 17 alle ore 18 il progetto Nems, il primo servizio nazionale per le emergenze sanitarie della Sierra Leone.  All'interno di questo progetto  il Crimedim (Centro di ricerca in medicina d’emergenza e dei disastri) dell’Università del Piemonte Orientale,  ha un ruolo principale: grazie a un finanziamento di 13 milioni di Euro della World Bank consentirà di mettere a disposizione delle popolazioni disagiate, colpite dal virus Ebola nel 2014 in Sierra Leone, 200 ambulanze operative e personale sanitario in grado di gestirne l’utilizzo. Il progetto Nems è coordinato da Medici con l’Africa Cuamm e coinvolge, oltre al Crimedim, anche la Regione Veneto (il dottor Paolo Rosi sarà il responsabile del progetto sul campo). Il progetto, biennale,  è stato selezionato tra altre sette proposte scritte da organizzazioni provenienti da tutto il mondo. "Una squadra del Crimedim — spiega Luca Ragazzoni, coordinatore scientifico del  Crimedim — lascerà Novara in primavera e resterà in Sierra Leone per alcuni mesi. Il Centro di ricerca dell’Upo formerà un migliaio di infermieri che diventeranno paramedici del servizio di ambulanza. Il progetto durerà più di due anni e il nostro compito è quello di creare équipe sanitarie di emergenza e di preparare gli infermieri locali a lavorare sulle ambulanze".

 
 
 
 
 
 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.