1

carpignano 2

NOVARESE -15-04-2019 - Nel fine settimana appena trascorso, 13 e 14 aprile, ci sono state diverse aperture straordinarie dei beni romanici del novarese in occasione della prima giornata del romanico in Piemonte. Nella nostra zona, infatti, si possono ritrovare piccoli oratori romanici, pievi e abbazie che rappresentano testimonianze di un passato in cui arte e fede erano strettamente legate tra loro. L'Agenzia Turistica Locale della Provincia di Novara, in collaborazione con le parrocchie e i Comuni, ha organizzato un'apertura straordinaria di alcuni beni romanici del territorio novarese dove ad attendere i visitatori erano presenti  guide volontarie gratuite.
A Borgomanero l'oratorio di San Leonardo, a Carpignano Sesia la chiesa di San Pietro con visite guidate a cura degli Amici del San Pietro che hanno visto il passaggio di circa 60 persone all'ora, a Casalvolone la chiesa di San Pietro al Cimitero, a Cureggio il nuovo TAM, ovvero lo spazio multimediale sul Tardo Antico e il Medioevo Novarese e il battistero di San Giovanni, a Fara Novarese la chiesa di San Pietro al Cimitero, a Momo l'oratorio della Santissima Trinità raccontato da una volontaria della parrocchia che ha reso più interessante la spiegazione poichè ha fatto collegamenti con altri edifici, nel capoluogo il battistero, a Oleggio la basilica di San Michele, a Pombia la chiesa di San Vincenzo in Castro, a San Nazzaro Sesia l'abbazia dei Santi Nazario e Celso con visita a cura degli Amici dell'Abbazia e infine a Vicolungo l'oratorio di San Martino.