1

App Store Play Store

villa nigra restauro 1

MIASINO- 18-06-2021 --  Sono terminati i lavori di restauro e recupero funzionale delle sale del piano terra di Villa Nigra, meravigliosa dimora situata nel centro storico di Miasino.
Gli interventi si sono conclusi dopo circa cinque mesi di lavoro e oggi restituiscono alla comunità una realtà viva e vitale che mira a diventare sempre più il vero cuore pulsante della vita sociale e culturale del paese e non solo.
Il progetto ha portato  alla realizzazione di una piccola caffetteria, di alcune sale showroom e al rifacimento dei bagni a servizio della Villa e del parco e questo lotto è andato a completare gli interventi precedenti fatti sull’Arancera e sulle altre sale al piano terra destinate a coworking e infopoint.
Intervenire su un edificio storico non è mai cosa semplice: oltre a precise e consolidate esperienze, tecnica e attrezzature servono, infatti, anche attenzione, cura e una spiccata sensibilità d’animo che inneschi nei professionisti la voglia di entrare in empatia con l’edificio per prendersene cura e accudirlo con amorevolezza e rispetto.
Il progetto, finanziato da Fondazione Cariplo e cofinanziato da Compagnia di San Paolo, Comune di Miasino e dall’ Associazione Culturale Asilo Bianco, ha visto l’attiva e preziosa partecipazione corale anche di altre realtà del territorio. I lavori sono stati seguiti  dall’architetto   Elena Bertinotti.
Soddisfatta e orgogliosa l’amministrazione comunale: “ Dopo cinque mesi di intervento siamo riusciti a terminare i lavori e quindi in questo momento abbiamo una Villa Nigra completamente funzionale -dichiara Sara Sacco, assessore con delega alla Cultura e al Turismo del Comune di Miasino-. Nella parte dei nuovi  restauri andremo inserire un corner water bar e un altro spazio  dove ci piacerebbe inserire un “km0”, quindi un punto di vendita al dettaglio ed esposizione di prodotti tipici. Un’iniziativa che vorremmo portare avanti è anche  quella denominata “adotta una parete” che sostanzialmente mira a recuperare i vecchi saggi tramite l’Art bonus (una misura agevolativa sotto forma di credito di imposta, introdotta dall'art.1 dal D.L.n. 83/2014, per favorire le erogazioni liberali a sostegno della cultura)….”.
Ecco, quindi, che ora Villa Nigra è stata restituita alla comunità restaurata e fruibile e nei suoi spazi, ricchi d’atmosfere speciali e profumati di storia antica, sbocceranno nuove sinergie fra le realtà del territorio nonché occasioni per far dialogare attivamente le persone tra di loro e con l’arte, la cultura, l’ambiente.
Il progetto che ha portato a questo mirabile risultato si è dimostrato vincente anche grazie alla bella collaborazione che si è venuta a creare tra operatori, tecnici, amministratori, associazioni, enti, aziende partner, cittadini e tutti coloro che a vario titolo, con competenze, esperienze e professionalità diverse, hanno operato gli uni accanto agli altri al servizio della preziosa Villa Nigra, indiscutibilmente una delle più prestigiose dimore storiche  di tutto il Cusio.


In una delle sale appena restaurate di Villa Nigra abbiamo incontrato l’architetto Elena Bertinotti che in un’intervista ci ha raccontato con minuzia di particolari il grande lavoro fatto negli scorsi mesi.


r.a.

Credits – Foto di Fabio Oggero

villa nigra restauro 2